Prodotto aggiunto correttamente al carrello.
Chiudi e prosegui la navigazione
Proverbi

Proverbi

Oltre ad essere l'isola più bella del Mediterraneo, la Corsica  è la culla di un dialetto (còrso) che ha generato negli anni una quantità inaspettata di proverbi e "detti" suddivisi in due parti dalla A alla L e dalla M alla Z.  

Cliccando sui seguenti link potrai assaporare l'idealismo e la saggezza còrsa!

  • Proverbi e "detti" in Corsica  dalla A alla L
  • A bacia t'hà l'anchi corti.
    Le bugie hanno le gambe corte.
  • À bocca chjusa, né moschi né bonbucconi.
    Variante: A bocca chjusa, né pani né bonbucconi.
    A bocca chiusa, né mosche (o pane) ne buoni bocconi.
  • A casa piglia, a casa rendi.
    La casa prende, la casa rende.
  • A casa ind'eddu un ghjugni u soli, ci ghjugni u duttori.
    Nella casa dove non giunge il Sole ci giunge il dottore.
  • À cavaddu dunatu, un fidià denti.
    A caval donato non guardar denti.
  • À chì campa n'ha da veda.
    Chi vivrà, vedrà.
  • À chi dormi un piglia pesci.
    Chi dorme non piglia pesci.
  • À chì fussi induvinu, un saria mai mischinu.
    Chi fosse indovino, non sarebbe mai infelice.
  • À chì l'attempa a perdi.
    Chi non è dello stesso parere su una cosa, finisce per perderla.
  • À chì l'hà in culu l'ha in casa.
    Chi ce l'ha in culo, ce l'ha in casa.
  • À chì mali vivi, mali mori.
    Chi vive male, muore male.
  • À chì mangna u pani di u preti, bisogna à dibbità lu.
    Chi mangia il pane del prete, deve meritarselo.
  • À chi mori, à chi s'allarga.
    Chi muore, chi s'allarga.
  • À chì male un face paura un ha.
    Chi male non fa paura non ha.
  • À chì nasce bella, nasce maritata.
    Chi nasce bella, nasce sposata.
  • À chì nasce sumere un diventa cavallu.
    Chi nasce somaro non diventa cavallo.
  • À chì nascì, à chì nascitiò!
    Certuni nacquero bene, altri no!
  • À chì para fritu, para caldu.
    Chi si protegge dal freddo, si protegge anche dal calore.
  • À chì s'aiuta hè galant'omu.
    Chi s'aiuta è galantuomo.
  • À chì stanta, à chi scurnochja.
    Chi lavora, chi sogna.
  • À chì stughji un perdi tempu.
    Chi studia non perde tempo.
  • À chì tardi giunghje, male alloghja.
    Chi tardi arriva, male alloggia.
  • À chì t'ha culu, tira peta.
    Chi ha il culo, scorreggia.
  • À chì t'hà dui casi in una ci piovi.
    Variante: A' chì hà duie case, in una ci piove.
    Chi ha due case, in una ci piove.
  • À chì troppu si cala, u culu vi mostra.
    Chi troppo si abbassa, il culo vi mostra.
  • À chì un arrisica un arruzzica.
    Chi non rischia non rosica.
  • À chì un hè beddu di natura un vali lavatura.
    A chi non è bello di natura, non serve lavarsi e rilavarsi.
  • À chì un ni hà, un ni mangna. Sé tu voli a farina, va à coglia a castagna.
    Chi non ha nulla, non mangia. Se vuoi la farina, vai a raccogliere la castagna.
  • A chi un sa piantà, pianta di nuvembri.
    Chi non sa piantare, pianta a novembre
  • À chì va forti, va à la morti.
    Chi va forte, va alla morte.
  • A cocciula di tre, un andò né mali né bè.
    La frittella fatta in tre, non andò né male né bene.
  • A cumpagnia porta l'omu à a forca.
    La compagnia porta l'uomo alla forca.
  • A donna à un purtellu un fa festa.
    La donna che sta alla finestra non fa festa.
  • A donna faci l'omu.
    È la donna che fa' l'uomo.
  • A fami faci escia u lubbu di a tana.
    La fame fa uscire il lupo dalla tana.
  • A festa d'Àmpaza passa.
    La festa di Ampaza si conclude.
  • A forza di tirà a corda strappa.
    A forza di tirare la corda si rompe.
  • A forza d'impittà, s'impara à marchjà.
    Variante: A rumbu d'impittà, s'impara à viaghjà.
    A forza di sbattere, s'impara a camminare.
  • A Frassetu e à Tavera, un dì "cuppa" sò muntoni.
    A Frasseto e a Tavera non dire "cuppa" o ti danno colpi sulla testa.
  • A ghjara cresci ma a forza manca.
    La parola cresce, ma la forza manca.
  • A ghjastema si rivolta.
    La bestemmia si rivolta.
  • A ghjastema volta e ghjira, volta in capu à chi la tira.
    La bestemmia si volta e vira, torna in testa a chi la tira.
  • A ghjatta magra, a donna grassa, sò a vargogna di a casa.
    La gatta magra e la donna grassa sono la vergogna della casa.
  • À la fine di tanti guai, un lucchesi ùn manca mai!
    Alla fine di tanti guai, un lucchese non manca mai!
  • A lingua ossu un hà e ossu tronca.
    Variante: A lingua un hà ossa ma i faci rompa.
    La lingua non possiede ossa, ma le può rompere.
  • A lu lumu di la deda, cannavacciu pari tela.
    A lume di candela, uno straccio sembra tela.
  • A luna: in vintinovi ùn ferma è in trenta ùn va.
    Il ciclo della Luna è compreso fra 29 e 30 giorni.
  • A machja, ochji un ha ma ochji teni.
    La macchia non possiede occhi, ma può vedere tutto.
  • A pratica vinci a grammatica.
    La pratica serve più della grammatica.
  • A più bedda risa hè quidda chi esci da a bocca di l'addulurati.
    Il più bel riso proviene dalla bocca degli addolorati.
  • A quandu Pasqua, à quandu tasca.
    A volte è festa, a volte è miseria.
  • A raghjoni hè a toia, e a capra hè a meia.
    La ragione è tua, e la capra è mia.
  • A raghjoni hè verbali.
    La ragione non è che verbale.
  • A regula ci sta bè, ancu in casa di u rè.
    La regola cista bene anche in casa del re.
  • A strada bedda un hè mai longa.
    La bella strada non è mai lunga.
  • A tola e à lettu, alcunu rispettu.
    A tavola e a letto, alcun rispetto.
  • A un bon' cani si dà un bon ossu.
    A un buon cane si dà un buon osso.
  • A u pocu e à l'aspissu si sbiota u boscu.
    A poco a poco e spesso, si svuota il bosco.
  • A vigna dici à u patronu: fà mi pòvara e ti faraghju riccu.
    La vigna dice al padrone: fammi povera e ti farò ricco.
  • A vita hè una affaccata di balconu.
    Variante: A vita hè una affaccata à u purtellu.
    La vita non dura che il tempo di affacciarsi alla finestra.
  • A volpi perdi u pelu ma micca u viziu.
    La volpe perde il pelo ma non il vizio.
  • Accantu u focu, a paglia ci stà mali.
    Variante 1: Accantu u focu, a scopa ci stà mali.
    Variante 2: Accantu u focu, a stoppa ci stà mali.
    Accanto al fuoco, la paglia sta male.
  • Aceddu in cabbia, s'eddu un canta d'amori, santa di rabbia.
    Uccello in gabbia: se non canta d'amore, canta di rabbia.
  • Aghji fedi, e Diu pruvvedi.
    Abbi fede, e Dio provvede.
  • Agnellu pasquale, Caprettu in Natale.
    Agnello a Pasqua, Capretto a Natale.
  • Aiacciu, Aiacciu, un vi ni ghjungni, un vi ni caccia.
    Aiaccio, Aiaccio, se non ci vai, non perdi i tuoi soldi.
  • Aiuta ti, Diu t'aiuta.
    Aiutati che il Ciel t'aiuta.
  • Alliscia a mamma par avè a figliola.
    Lusinga la madre per avere la figlia.
  • Amori e signuria un volini cumpagnia.
    L'amore e la signoria non vogliono compagnia.
  • Ampaza, niccia niccia, par un soldu edda si piccia.
    Ampaza, l'avara, per un soldo s'infiamma.
  • Ancu a pulgia t'ha a tossa.
    Variante: Ancu e puce hanu a tosse.
    Anche le pulci hanno la tosse.
  • Ancu l'onòri sò castighi.
    Anche gli onori sono castighi.
  • Annata d'erba, annata di merda.
  • Aostu seccu, castagna par ogni ceppu.
    Agosto secco, castagna a ogni ceppo.
  • Aprili, desfa purcili.
    Aprile, demolisci il porcile.
  • Aqua corri e sangui strigni.
    L'acqua scorre e il sangue si raggruma.
  • Aqua d'aostu, oliu e mostu.
    Acqua d'agosto, olio e mosto.
  • Aqua di luddu, un faci bè à nudda.
    Acqua di luglio, non fa bene a nulla.
  • Aqua minuta, ghjugni à l'ossu e un hè criduta.
    Pioggerella, arriva all'osso ma non viene presa sul serio.
  • Arca da mani, attigni i funtani. Arca da sera, spanna li veli.
    Arcobaleno di mattina, attingi alle fontane. Arcobaleno di sera, stendi i panni.
  • Arcu di sera, bel' tempu si spera.
    Arcobaleno di sera, bel tempo si spera.
  • Aria rossa à la marina, piscia è soffia à la matina.
    Aria rossa alla marina, pioggia e vento al mattino.
  • Azilonu Fiori di cantonu.
    Azilone: i fiori del cantone.
  • Azilonu Pocu hè bonu.
    Azilone: poco è buono.
  • Babbi e mammi tonti, figlioli astuti.
    Padri e madri tonti, figlioli astuti.
  • Bastia, Bastia à chi un ha soldi un ci stia.
    Bastia, Bastia chi non ha soldi non ci stia.
  • Bellezza ùn si ne magna.
    La bellezza non si mangia.
  • Campa à barba d'unu.
    Vive in barba a qualcuno
  • Campa scuffia, chi barretta passa e veni.
    Dove vive la cuffia (=la donna), i beretti (=gli uomini) vanno e vengono.
  • Cane abbaghja è porcu magna.
    Cane abbaia e porco mangia.
  • Carnivali in balconu, Pasqua à u tizzonu.
    Variante: Natali à u balconu Pasqua à u fuconu.
    Carnevale (Natale) sui balconi, Pasqua sui tizzoni.
  • Carti ghjocani è ghjucadori si vanta.
    Le carte giocano e il giocatore si vanta.
  • Casa senza patrone, hé nave senza timone.
    Casa senza padrone, è come una nave senza timone.
  • Casi frà li casi è vigni frà li vigni.
    Case fra le case, vigne fra le vigne.
  • Cavaddu di trenta, mai più ch'eddi ci n'entri.
    Cavallo di trent'anni, non è più d'aiuto.
  • Cavaddu vechju, zecchi e moschi.
    Cavallo vecchio, zecche e mosche.
  • Cavallu vecchju ùn muta andatura, s'ellu a muta pocu dura.
    Cavallo vecchio non muta andatura, s'egli la muta poco dura.
  • Ch'eddu durghi tantu u mal'vicinu, quant'edda dura a nevi marzulina.
    Variante: Chè lu mal' vicinu, un durghi chè quant'è a nevi marzulina.
    Le cattive relazioni di vicinato non durino che quanto la neve di marzo.
  • Chì campa spirendu, mori caghendu.
    Chi campa sperando, muore piangendo.
  • Chi causa ha la gatta, si a patrona hè matta.
    Variante: Chi hà da fà a ghjatta Si a patrona hè matta.
    Che può fare la gatta se la padrona è matta?
  • Chi ci hè di più neru chè a paredda.
    Niente è più nero della stufa.
  • Chi di ghjaddina nasci in terra ruspa.
    Chi nasce gallina, raspa la terra.
  • Chì di piombu, tomba, di piombu mori.
    Chi uccide col piombo, col piombo muore.
  • Chì disprezza, compra.
    Variante: Chì disprezza vol' cumprà.
    Chi disprezza, vuol comprare.
  • Chì hà solli e amicizie torce u nasu à a ghjustizia!
    Variante: Chi t'hà solda e amicizia, torci u nasu à a ghjustizia.
    Chi ha soldi e amicizie storce il naso alla giustizia.
  • Chi muta, muga.
    Variante: Chi muta, muca
    Chi muta, non gli va sempre bene!
  • Chì nasci, pasci.
    Chi nasce, pasce.
  • Chì poco tene, caro tene.
    Chi possiede poco è attaccato a quel poco.
  • Chì posa, mal pensa.
    Chi rimane seduto, pensa male.
  • Chì si chjina incu i ziteddi s'arrizza camisgimerdosu.
    Variante 1: Chì si chjina incu i ziteddi s'arrizza u culu merdosu.
    Variante 2: Chi si chjina cu i ziteddi s'arrizza culimerdosa.
    Chi si china con i bambini, solleva il culo merdoso.
  • Chì ùn face male, ùn ha paura.
    Chi non fa male, non ha paura.
  • Chì un invechja, hè pena di vita.
    Chi non invecchia, è privo di vita.
  • Chì ùn spera s'addispera.
    Chi non spera si dispera.
  • Chì va è volta, bon' viaghju faci.
    Chi va e viene, ha fato buon viaggio.
  • Chì va pianu va sanu, è chi va sanu va luntanu.
    Chi va piano va sano, e chi va sano va lontano.
  • Chì vadagna in prima mani, si ni va à calzi in mani.
    Chi guadagna per la prima volta, se ne va con i pantaloni in mano.
  • Chì vo fà anguidia à u so vicinu, si chjinghi prestu e s'arrizza matina.
    Chi vuol fare invidia al suo vicino, si corica e si alza presto.
  • Chì voli l'armi è i so bisogni, i porta di cuntìnuu.
    Chi vuole poter disporre di armi e del necessario, li porta con se di continuo.
  • Ci voli à lacà u fusu, à chi n'ha l'usu.
    Bisogna lasciare il fuso a chi ne è esperto.
  • Ci voli à nascia, par pascia.
    Bisogna nascere per pascere.
  • Ciò ch'edda faci a mani dritta, un devi veda a mani manca.
    La mano sinistra non deve vedere ciò che fa la mano destra.
  • Ciò chi hè scrittu in celi segui in terra.
    Ciò che è scritto in cielo avviene sulla Terra.
  • Ciò chi un tomba ingrassa.
    Quello che non ti uccide ti rende più forte.
  • Ciò chi teni, à luna vecchja. Ciò chi sfronda, à luna tonda.
    Chi guarda le sue cose, ha la luna vecchia. Chi perde le sue cose, ha la luna nuova.
  • Ciriola, Ciriola, s'eddu venta o s'eddu piovi, di l'invernu semu fora. E s'edd' hè beddu tempu, par trenta semu drentu.
    Candelora, Candelora, che faccia vento o che piova, dall'inverno siamo fuori. E se fara bel tempo, per trenta giorni siamo dentro.
  • Com'hè corcia a panca, indù un ci posa barba bianca.
    Variante: Tinta quidda panca Dund'un ci posa barba bianca.
    Come è triste la panca, quando nessun anziano si siede.
  • Com'hè corcia quidda sporta, chi nun faci arrega e porta.
    Come è triste questa borsa, che parte e ritorna vuota.
  • Corciu à chi un ha à nimu.
    Infelice è colui che non ha nessuno.
  • Cosa fatta, loda la!
    Cosa fatta, lode ha.
  • Cristu un paga micca tutti i vennari sera.
    Cristo non paga tutti i venerdì sera.
  • Cucini di terzu hè a più bella parintia: un hanu nulla à sparte.
    I cugini di terzo grado sono una bella parentela: non hanno nulla da spartire.
  • Cunsigliu di topa e dannu di farina.
    Complotto di topi e danno di farina.
  • Da dì à fà, hè com'è da tonda à filà.
    Dal dire al fare, è come dal tosare al filare.
  • Da parè ad essa, hè com'è da orda à tessa.
    Dall'apparire all'essere, è come dall'ordire al tessere.
  • Da un colpu à un chierchju è l'altru à botte.
    Dare un colpo al cerchio e l'altro alla botte.
  • Di dà ciò ch'un s'hà, hè sempri carità.
    Donare ciò che non si ha, è sempre carità.
  • Di fà ciò chi hè fattu, un hè piccatu.
    Fare qualcosa che ci è stata fatta non è peccato.
  • Di u cateddu tontu, a volpi si ni sfaci.
    Del cucciolo malnato, la volpe se ne disfà.
  • Di u tempu e di u guvernu, un ti n'accupà.
    Del tempo e del governo, non ti occupare.
  • Diu ti vardi di un bon' ghjinnaghju.
    Dio ti preservi da un buon gennaio.
  • Donna basgiata s'hè meza chi data.
    Donna baciata s'è mezza che data.
  • Donna chi posa mal'pensa.
    Donna che riposa, mal pensa.
  • Donna, dannu.
    Donna, danno.
  • E cose torte strappanu.
    Le cose storte si strappano (= si rompono).
  • E fune longhe diventanu serpi!
    Variante: I funi longhi diventani sarpi.
    Le funi lunghe diventano serpenti.
  • Fà à parera e tèniti à tè.
    Prendi i consigli e tienteli per te.
  • Fasgiulini fini fini, poma d'oru e schiassulà.
    Fagliolini fini fini, pomodori e uva chasselas.
  • Fatti di notti, risi di ghjornu.
    Fatti di notte, risa di giorno.
  • Figlioli chjughi, pinseri chjughi. Figlioli maiori, pinseri maiori.
    Bambini piccoli, piccoli problemi. Figli grandi, grandi problemi.
  • Fiori di mintucciu: più dicu torra da, più mi s'incuccia.
    Fiore di menta: più gli dico "via di qua", più ritorna verso di me.
  • Fòcu d'alzu, fòcu falsu.
    Fuoco di ontano, fuoco falso.
    L'ontano è un legno che sviluppa una bella fiamma, ma sprigiona poco calore.
  • Fora u denti, fora a pena.
    Via il dente, via il dolore.
  • Frivaghju, un lacà di fà u to viaghju.
    Febbraio, non tardare a metterti in viaggio.
  • Frivaghju, t'hà setti barretti.
    Febbraio ha sette berretti.
  • Furciolu, forca.
    Forciolo, la forca.
  • Furtuna male acquistata, prestu ruvinata.
    Fortuna male conquistata, presto se ne va.
  • Ghjaddina ch'un becca biccattu hà.
    Gallina che non becca, beccato ha.
  • Ghjàgaru abbaghja e boiu pasci.
    Il cane abbaia e il bue pasce.
  • Ghjiru monti, ghjiru castedda; trovu maritu, ma un trovu frateddu.
    Percorro i monti, percorro i promontori rocciosi; trovo molti mariti ma non ritrovo mio fratello.
  • Ghjumenti pudditrata un bii mai aqua linda.
    La giumenta sudicia non beve mai acqua pura.
  • Ghjuntu u timpurali i ghjàcari facini a so casa.
    Quando arriva il temporale i cani tornano alle loro case.
  • Guargualè, Guargualè: ghjàrgala era e ghjàrgala hè.
    Variante: Vargualè, Vargualè: ghjàrgala era e ghjàrgala hè.
    Guargualé, Guargualé: era un torrente ed un torrente è.
  • Hè com'e i sgiò di la Rocca, mori fumu e pocu arrostu.
    È come i signori della Rocca, tutto fumo e niente arrosto.
  • Hè l'ochji di u patronu chì ingrassa u cavaddu.
    È l'occho del padrone che fa ingrassare il cavallo.
  • Hè megliu à cumprà mali chè à venda bè.
    È meglio fare un cattivo acquisto che una buona vendita.
  • Hè megliu à stà accantu un cacadori, cà accantu un zuccadori.
    È meglio stare accanto a un cacatore, che a un tagliatore di pietre.
  • Hè mègliu ad essa solu cà mali accumpagnatu.
    Variante: Mègliu solu ché mali accumpagnatu.
    Meglio soli che mali accompagnati.
  • Hè megliu ghjenti, ca arghjentu.
    Meglio i parenti che il denaro.
  • Hè megliu pocu chè micca.
    Meglio poco che niente.
  • I corbi cù i corbi è i currachji cù i currachji.
  • I corvi con i corvi, le cornacchie con le cornacchie.
  • I ghjenti ci voli à piegna li quandu eddi nàscini, è micca quandu eddi mòrini.
    La gente piangeva quando nasceva e non quando muoriva.
  • I guai di a pignatta, un i sà cà u cuchjaronu.
    Variante: I guai di a pignatta Un i cunnosci chè a cuchjara.
    I guai della pignatta non li sa che il cucchiaio.
  • I morti incu i morti è i vivi incu i vivi.
    I morti con i morti, i vivi con i vivi.
  • I parenti sò i denti.
    I parenti sono i denti.
  • I nostri pruverbi so santi è ghjusti.
    I nostri proverbi sono santi ed esatti.
  • Innanzi chè micca, maritu vechju.
    Piuttosto che nulla, marito vecchio.
  • I più beddi peri i màngnani i porchi.
    Le più belle pere le mangiano i maiali.
  • I porchi si bàsgiani, annata di ghjandi.
    I maiali si abbracciano, annata di ghiande
  • I solda sò tondi e capùlani.
    I soldi sono rotondi e vanno e vengono.
  • I solda un vènini micca cantendu.
    I soldi non vengono cantando.
  • In bucca chjusa un n'entri musca.
    Variante: In bocca chjosa ùn ci entre mosche.
    In bocca chiusa non entrano mosche.
  • In cumpagnia, u frati presi moglia.
    Variante: In cumpagnia, piglia moglia ancu u prete.
    In compagnia, prende moglie anche un prete.
  • In ghjesgia grandi un crepa preti.
    In una grande chiesa non muiono preti.
  • In ogni lettu, ci hè pulgi.
    In ogni letto, ci sono le pulci.
  • In i Pinticosti, chì un l'affesta li costa.
    A Pentecoste, chi non festeggia patisce.
  • In terra chè tù vai, fà usu chè tù trovi.
    Paese che vai, usanza che trovi.
  • In u pratu un cacà, in u boscu un parlà.
    Nel prato non cacare, nel bosco non parlare.
  • Ind' eddu un ci n'hè, Diu purveddi.
    Dove non ci sono soldi, Dio provvede.
  • Ind' eddu un ci n'hè un ci n'entri.
    Dove non ci sono soldi, non si ritorna.
  • Indù l'àsinu mori, u pelu ci resta.
    Quando l'asino muore, resta la pelle.
  • Intrutu ghjinnaghju, porta u boiu à u scupaghju.
    Arrivato gennaio, porta il bue al pascolo.
  • Isciuta vindèmia, appicca a sporta.
    Finita la vendemmia, appendi la borsa.
  • L'acqua fa fanga, u vinu fa bon sangue.
    L'acqua fa fango, il vino fa buon sangue.
  • L'aqua va à u mare.
    Variante: L'aqua va à u mari.
    Variante: I vadini vani à u mari.
    L'acqua finisce nel mare
  • Làcrima di donna hè funtana di malizia.
    Le lacrime delle donne sono fontane di malizia.
  • Laga u buddenti, e succorri l'appartenti.
    Lascia le cose urgenti e soccorri la partoriente.
  • L'amori hè cecu.
    L'amore è cieco.
  • L'ànima à Diu, e a ropa à chi si devi.
    L'anima a Dio, e la roba a chi di dovere.
  • L'ànima à Diu, u corpu à a terra.
    L'anima a Dio, il corpo alla terra.
  • L'aqua sfonda i ricci.
    L'acqua buca la roccia.
  • L'arti di Micalassu: mangnà, bia e andà à spassu.
    L'arte di Micalasso, magiare bere e andare a spasso
  • L'atti ùn so micca i fatti.
    Gli atti non sono mica i fatti.
  • Laziu di travaglià, salta mi addossu!
    Voglia di lavorare, saltami addosso!
  • L'imbroglii sò in a sacchetta.
    È nel sacco che ci sono gli imbrogli.
  • L'omi si leanu cù a parulla, i boi cù a funa.
    L'uomini si legano con la parola, i buoi con la fune.
  • L'omu pruponi, e Diu disponi.
    L'uom propone, e Dio dispone.
  • L'ottu d'aprili, u cuccu si devi sentire. S'eddu un si senti, hè mortu o per murire.
    Variante: L'ottu d'aprili, u cuccu devi venire. S'eddu un veni lu diciottu, u cuccu hè mutu o hè mortu.
    L'otto di aprile, il gallo si deve sentire. Se non si sente, è muto o sta per morire

 

  • Proverbi e "detti" in Corsica dalla M alla Z
  • Maghju urtulanu assi paglia e pocu 'ranu.
    Maggio ortolano (=piovoso) molta paglia e poco grano.
  • Mamma scagna, e ghjatta mangna.
    La madre mette da parte, e la gatta mangia.
  • Mariteddu tamant'è un ditu, ièddu voli essa rivaritu.
    Il maritino quanto più è piccolo, tanto più vuole essere riverito.
  • Marzu, Catarzu, figliolu di mangnonu, m'ha presu tutti i me agneddi e un m'ha lacatu cà un agnonu. – O Aprì, u me frateddu, dà mi ni dui chì un l'aghju da par mè.
    Variante: Marzu, Catarzu, figliolu di mangnonu, m'ha presu tutti i me agneddi e i mè agnona. – O Aprì, lu me frateddu, presta mi ni dui chì aghju da fà penta u falsu picuraghju. Marzo orco malizioso, mi hai preso tutti i miei agnelli e me ne hai lasciato solo uno. – Aprile, fratello mio, donami due giorni che non ho per me.
  • Marzu siccu, par u bugnu e par u beccu.
    Marzo secco, buono per l'alveare e per il becco.
  • Marzu piuviosu, bugnu varmicosu e bèccu muccicosu.
    Marzo piovoso, alveare pieno di vermi e becco moccicoso.
  • Matinati di maghju, e sirintini di ghjinnaghju.
    Belle mattine di maggio e belle sere di gennaio.
  • Matrimonii e viduvali, so dal celi distinati.
    Matrimoni e vedovati, son dal cielo destinati.
  • Matrimoniu sittimbrinu: o vèduvu o mischinu.
    Matrimonio settembrino: o vedovo o meschino.
  • Megliu oghje l'ovu chì dumane a ghjallina.
    Meglio un uovo oggi che una gallina domani.
  • Mi tagli, mi puti. Mi brusgi, mi suvi.
    Mi tagli, mi poti. Mi bruci, mi trasformi in fumo.
  • Miseria e puvertà, son dui sureddi; e scuncertina hè la cucin' carna.
    Miseria e povertà sono due sorelle; e la zizzania è loro cugina.
  • Morghi chi morghi, cantà vogliu eiu. Quand'e morgu eiu, canti chi vogli.
    Muoio che muoio, io voglio cantare. Quando sarò morto, canti chi voglia.
  • Mori più capretti chè capri vechji.
    Variante: Mori più agnedda ca muntona.
    Muoiono più agnelli che montoni.
  • Mortu pinzutu, appinza ti ni un antru.
    Quando qualcosa non è più affilata, affilane un'altra.
  • Mortu u Cristu, spintu u lumu.
    Morto Cristo, spento il lume.
  • Mossu la verra, bucia quant'é terra.
    Finita la guerra, bugie grandi quanto la terra.
  • Nanzi ghjunta la so ora, né si nasci né si mori.
    Prima che sia giunta l'ora, non si nasce né si muore.
  • Natali à u ghjocu, Pasqua à u focu.
    A Natale si gioca, a Pasqua davanti a un fuoco.
  • Natu a parsona, natu u distinu.
    Nta una persona, nato un destino.
  • Né essa né fà sì, e quant'e à ghjittà sì.
    Bisogna fare tutto il necessario per riuscire al meglio.
  • Né in vènnari né in luni, un dà principiu à a to funi.
    Variante: Né vènnari né luni, un cumincià a to funi.
    Non cominciare a frabbricare una corda di lunedì né di venerdì.
  • Né spiziale né duttore pò guarì u mal' d'amore.
    Né lo speziale (=il farmacista) né il dottore può guarire il male d'amore.
  • Né ziteddi né cateddi, un avvizzà à u to scudeddu.
    Né zitelle né bambini fai abituare alla tua scodella.
  • Nipoti allevati, soldi ghjittati!
    Nipoti allevati, soldi gettati!
  • O ben' tusu o mal' tusatu, in quattru ghjorna hè appariatu.
    O ben tosato o mal tosato, dopo quattro giorni è uguale.
  • O Signori, feti ci pastori, in a branata, e purcaghji in invirnata.
    O Signore, facci pastori in primavera, e porcari in inverno.
  • Oghji eiu, dumani tù.
    Oggi a me, domani a te.
  • Ogni cecu piegni i so ochji.
    Ogni cieco piange i suoi occhi.
  • Ogni ghjatta t'hà a so coda. Ghjatta ci hè ma coda un n'hà.
    Ogni gatta ha la sua coda. C'è una gatta che coda non ha.
  • Ogni sèculi e centunari, r'aqua volta à li so canali.
    Ogni secolo, l'acqua ritrova i suoi canali.
  • Ogni tontu t'hà u so filu.
    Ogni tonto ha il suo filo (=idee).
  • Ognunu bii incu a so bocca.
    Ognuno beve con la sua bocca.
  • Ognun' chì piscia arrittu à u muru, hà lu ficu [il pomo di Adamo] par sicuru.
    Chi piscia dritto contro il muro, è un maschio di sicuro.
  • Ognunu piegni incu i so ochji.
    Ognuno pianga con i suoi occhi.
  • Ognunu sa ciò chi boddi in a so pignatta.
    Ognuno sa cosa bolle nella sua pentola.
  • Omu dormi e carta veghja.
    L'uomo muore, ma gli scritti rimangono.
    Variante: Verbi volen, scritti manen.
    Le parole volano, gli scritti restano
  • Ora vivu ora mortu.
    Ora vivo ora morto.
  • Pàghani i chjughi par i maiori.
    I giovani pagano per i grandi.
  • Pani e parnici: affari di casa un si ni dici.
    Pane e pernici: gli affari di casa non dici.
  • Par cunnoscia la ghjenti, ci voli à mangnà una somma di sali insemu.
    Per conoscere la gente, è necessario mangiare insieme un'intera soma di sale.
  • Par maghju o par maghjonu, un ti caccià u to pilonu.
    Che maggio sia bello o no, non toglierti il cappotto.
  • Par un colpu un casca l'àrburi.
    Per un colpo non casca l'albero.
  • Par via di u patronu si rispeta u ghjàgaru.
    Variante: Par via di u patronu si rispeta u cavaddu.
    Per il padrone, rispetta il cane (cavallo).
  • Par viaghju s'acconcia a somma.
    In viggio metti a posto la soma.
  • Parola data e petra lampata ùn si ripiglianu più.
    Parola data e pietra lanciata non si riprendono più.
  • Pastasciuta e macarona, più sò caldi più sò boni.
    Pastasciutta e maccheroni, più son caldi e più son buoni.
  • Patti chjari, amici cari.
    Patti chiari, amici cari.
  • Pècura nera e pècura bianca: a chi mori mori, à chi campa campa.
    Pecora nera e pecora bianca: a chi muore, muore, a chi campa, campa.
  • Perché l'amicizia tenga, ch'una manu passi è l'altra venga.
    Perché l'amicizia tenga, che una mano passi e l'altra venga.
  • Persa a lingua, persu u populu.
    Variante: Una lingua si cheta, un populu si more.
    Persa la lingua, perso il popolo.
  • Prima sò eiu, eppo dopu u me figliolu.
    Prima ci sono io e poi i miei figli.
  • Più hè parenti, e più ghjentri.
    Più si è parenti, più questi ritornano.
  • Piu pècuri, più mocci.
    Più pecore, più raffreddori.
  • Più si campa e più si n'impara.
    Variante: Più si campa e più si ni vedi.
    Più si campa e più s'impara (se ne vedono).
  • Poni in terra e spera in Diu.
    Poni in terra e spera in Dio.
  • Prigheti par i beddi ch'è i mali a si stàntani.
    Pregate per i fortunati, perché gli sfortunati riescono a superare meglio le difficoltà.
  • Quand'è Pisa fu brusgiata, piuvì tre notti e tre ghjorni.
    Quando Pisa fu bruciata, piovve tre giorni e tre notti.
  • Quand'è tù credi d'essa à cavaddu un sé mancu à pedi.
    Quando credi di essere a cavallo non sei neanche in piedi.
  • Quandu a pràscula fiurisci e matura, i ghjorni e i notti sò d'una misura.
    Variante: Quandu a presca fiurisci e matura, da li notti à li ghjorna sò d'una misura.
    Quando il pesco fiorisce e matura, i giorni e le notti sono della stessa misura
  • Quandu canta la cigala, lu purcaghju piègni e para. Quandu canta la ranochja, lu purcaghju si spidochja.
    Quando canta la cicala, il porco piange e si prepara. Quando canta la ranocchia, il porco si spidocchia.
  • Quandu da la forza à la raghjoni cuntrasta, vinci la forza e la raghjoni ùn basta.
    Quando la forza contrasta la ragione, vince la forza e la ragione non basta.
  • Quandu ellu canta lu cuccu, muta pèlu lu singhjari; e la gallina faci l'ovu, senza mancu nidicali. E lu beccu inchjirchja i corra, chi ni pari un ginirali.
    Quando canta il gallo, il cinghiale cambia pelo; e la gallina fa l'uovo senza neanche fare il nido. E la capra allunga le corna, assomigliando a un generale.
  • Quandu ellu piovi e faci lu soli, tandu la vulpi faci l'amori.
    Quando piove e c'è il sole, allora la volpe fa l'amore.
  • Quandu u ghjàcaru invechja, a volpi li piscia addossu.
    Quando il cane invecchia, la volpe gli piscia addosso.
  • Quandu u porcu hè tecchju si volta a trova.
    Quando il porco è ben sazio, ritorna al trogolo.
  • Quandu u soli hè in Azilonu, mangna puri u to bucconu.
    Quando il sole è su Azilone, mangia pure il tuo boccone.
  • Quandu u soli tramonta, u pultronu s'appronta.
    Quando il sole tramonta, il poltrone s'appronta.
  • Quandu veni u mesi di maghju, a la donna li cresci lu pèlu, e lu cazzu pidda curaghju. Quando viene il mese di maggio, alla donna cresce il pelo, e il cazzo prende coraggio.
  • Roba di Scolca, roba di forca.
  • Ronchi samirini un còddani in celi.
    Variante: Ronchi samirini un ni codda in celi.
    I ragli del'asino non raggiungono il cielo.
  • Ropa chi un hè vista, un po essa stimata.
    La mercanzia che non può essere vista, non può essere stimata.
  • Russura à la marina: bon' tempu la matina. Russura à la muntagna, aqua e ventu à li calcagna.
    Rosso sul mare: buon tempo la mattina. Rosso sulla montagna: pioggia e vento alle calcagna.
  • S'eddu suniteghja in Capu di Staghju, lascia puri u granu in arghja. S'eddu suniteghja in Capu di Muru, mettilu à u sicuru.
    Se tuona a Capu di Staghju, lascia pure il grano nell'aia. Se tuona a Capu di Muru, mettilo al sicuro.
  • Saccu biotu un pò stà rittu.
    Variante: Saccu biotu un teni rittu.
    Sacco vuoto non può stare dritto.
  • Saccu biotu un pò stà rittu, troppu pienu un si pò torcia.
    Sacco vuoto non può stare dritto, troppo pieno non si può piegare.
  • Saccu pienu un pò piigà.
    Variante: Saccu piènu un si pò torcia.
    Sacco pieno non si può piegare.
  • Sameri chi grogna, un ti fà vargogna.
    Il somaro che raglia non ti fa vergogna.
  • Santa Maria, Sichè: a chi un hè latru un ci stà bè.
    Variante: Sichè, Santa Maria: a chi un hè latru un ci stia.
    Santa Maria, Sichè: chi non è ladro non ci sta bene.
  • Sapiutu la tre, sapiutu lu rè.
    Conosciuto da tre, conosciuto dal re.
  • Sé Bastèlica t'avia u portu Aiacciu saria l'ortu.
    Variante: Sé Bastèlica avia un portu Aiacciu accantu era un ortu.
    Se Bastelica avesse un porto, Ajaccio sarebbe un orto.
  • Sè i guai si mittiani à u soli, ognunu si ripigliaria i soi.
    Se i guai di ciascuno si esponessero alla vista di tutti, ognuno si riprenderebbe i suoi.
  • Sè u ghjòvanu vulissi e u vechju pudissi.
    Se il giovane volesse e il vecchio potesse.
  • Sè u mari fussi vinu, quantu ci saria briaconi.
    Se il mare fosse vino, quanti ubriaconi ci sarebbero!
  • Si sbaglia (ancu) u preti à l'altari.
    Si sbaglia (anche) il prete sull'altare.
  • Sia mali o sia bè Cristu un dici par quistu hè.
    Che sia male o che sia bene, Cristo non dice per quale ragione arriva.
  • Soldu di pòvaru omu e cuglia di ghjàcaru, un si ni poti mai piattà.
    Non si possono nascondere né le palle del cane né i soldi di un pover'uomo.
  • Spezza u tempu in San' Bartolu.
    A San Bartolomeo il tempo si guasta.
  • Sparti ricchezza e torra puvertà.
    Spargi ricchezza e la povertà tornerà.
  • Sproni mei e cavaddu di l'altri.
    I miei speroni e il cavallo di qualcun altro.
  • Tal calzu, tal magliolu, tal babbu, tal figliolu.
    Tale padre, tale figlio.
  • Tanti paesi tante usanze.
    Tanti paesi hanno usanze diverse.
  • Tantu ch'eddu ci hè vita, ci hè speranza.
    Finché c'è vita, cè speranza.
  • Tantu da casa meia cà da casa toia.
    Tanto da casa mia che da casa tua.
  • Tempu scuru, puzza l'ugliata.
    Brutto tempo, l'aria puzza.
  • Tigliolu, ti vogliu.
    Tiglio, ti voglio.
  • Tintu à chi l'hà a so cena à u fiumu.
    Disgraziato chi ha il suo pasto nel fiume.
  • Tira più un pelu di muzza in cuddata cà dui paghji di boia in falata.
    Variante 1: Tira più un pelu di muzza in cuddata cà un paghju di boia in falata.
    Variante 2: Tira più un pelu di donna à l'insù, che centu boi à l'inghjò.
    Tira più un pelo di donna all'insù che cento buoi all'ingiù.
  • Tocca e lecca ó Antò chi hè festa, sempri tocca e mai n'arresta.
    Prendi e regalati, Antonio, che è festa.
  • Tràmula di ghjugnu, alivi in pugnu.
    Se l'olivo fiorisce a giugno, olive in pugno.
  • Tré pignatte à u focu, è festa! Tre donne in casa è gran'timpesta!
    Tre pentole sul fuoco, è festa! Tre donne in casa è gran tempesta!
  • Tutti i ghjorna si n'impara.
    Impari qualcosa ogni giorno.
  • Tuttu lacatu hè persu.
    Ogni lasciata è persa.
  • U bè di l'avaru u si magna u furfanti.
    Il bene dell'avaro se li mangiano i furfanti.
  • U bè di luntanu si ferma par istrada.
    Il bene che viene da lontano si perde per strada.
  • U candidatu prummetti più casgiu chè pani.
    Il candidato promette più formaggio che pane.
  • U cavaddu ghjastimatu, u pelu li luci.
    Variante A u cavaddu ghjastimatu, li luci u pelu.
    Al cavallo maledetto, il pelo luccicò.
  • U corbu dici chi u più beddu piulaconu hè u soiu.
    Il corvo dice che i più bei figli sono i suoi.
  • U cuccu, s'ellu un canta lu diciottu, o ellu hè persu o ellu hè mortu.
    Il gallo, se non canta il diciotto (aprile), o si è perso o è morto.
  • U discorsu porta l'omu à a forca.
    Il discorso porta l'uomo alla forca.
  • U duttore passa e vene, à chì ha u male u si tene.
    Il dottore va e viene, ma chi ha un male se lo tiene.
  • U fretu di marzu ghjentri in u corru di u boiu.
    Il freddo di marzo entra nelle corna dei buoi.
  • U ghjacaru chi suvita, un ha bisognu di dà li u bucconu.
    Al cane che ti segue, non è necessario dar da mangiare.
  • U lucchesu un hè sicuru, ca incu u so uncinu à u culu.
    Un lucchese non si sente sicuro che con un uncino alla cintura.
  • U mari accoglii i vadini.
    Il mare accoglie i ruscelli.
  • U megliu oru hè quiddu chi piega.
    L'oro migliore è quello che si piega.
  • U mittiticciu va da a porta à u balconu.
    La superficialità va da porta a balcone.
  • U mondu hè fattu à scala, a chi codda e à chi fala.
    Il mondo è fatto a scala, c'è chi scende e c'è chi sale.
  • U peghju calciu hè quiddu di u cavaddu mansu.
    Il peggior calcio è quello del cavallo mansueto.
  • U più beddu ceppu, teni lu à maghju.
    Variante: U più beddu ceppu, teni lu par maghju.
    Il più bel ceppo, tienilo per maggio.
  • U sameri chi un vo bia hè un gattivu zifulà.
    È inutile fischiare a un asino che non vuole bere.
  • U Signori à qual' eddu ama, tocca.
    Il Signore mette alla prova chi ama.
  • U Signori dà a ropa à chi un ha denti.
    Il Signore da la roba a chi non ha denti.
  • U Signori dà u biscottu à quiddu chi t'hà i denti.
    Il Signore dona biscotti a chi ha i denti.
  • U Signori dà u fretu sicondu i panni.
    Il Signore dona il freddo secodo i vestiti.
  • U sole, ind'ellu un luce un scalda.
    Il sole, quando non brilla non scalda.
  • U soli marzulinu di i donni fà strascinu.
    Il sole marzolino fa deperire le donne.
  • U soli sorti par tutti.
    Il sole brilla per tutti.
  • U tassu: durgu tre centu anni; tre verdi, siccu e passu.
    Il tasso: io duro trecento anni; prima verde, poi secco, infine appassito.
  • U techju un credi u famitu.
    Il sazio non crede all'affamato.
  • U troppu bè s'arrivolta.
    Il troppo bene si rivolta contro.
  • U troppu stroppia.
    Il troppo stroppia.
  • Un babbu e una mamma addèvani deci figlioli. E deci figlioli un poni tena un babbu e una mamma.
    Un padre e una madre possono allevare dieci figli. Ma dieci figli non possono allevare un padre e una madre.
  • Un chjameti povar'omu, a chi t'hà un chjosu in Valgonu.
    Non chiamate "pover'uomo" chi ha un campo a Valgonu.
  • Un ci hè sàbatu senza soli, comu donna senza amori.
    Non c'è sabato senza sole, come donna senza amore.
  • Un disòrdini, faci un òrdini.
    Un disordine fa un ordine.
  • Un fà mali chi hè piccatu. Ma un fà bè chi hè ghjittatu.
    Nnon fare male che è peccato. Ma non fare bene che è inutile.
  • Un ghjudicà a to vita Fin à l'òpara finita.
    Non giudicare la tua vita, finché l'opera non è finita.
  • Un hè bella quella sporta, chi arrega e nun porta.
    Non è bella una sporta che arriva e non porta.
  • Un hè bellu quel' chi hè bellu, quantu hè bellu quel' chi piaci.
    Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace.
  • Un hè micca tutti i ghjorni festa.
    Non è mica festa tutti i giorni.
  • Un hè micca sempri festa in Àmpaza.
    Non è mica festa tutti i giorni ad Ampaza
  • Ùn si pò mai sapè di ciò ch'ellu sarà fattu dumane.
    Nessuno può sapere su ciò che sarà fatto domani.
  • Un si mori chè una volta.
    Non si muore che una volta.
  • Un si po dì "prruci" senza labbri.
    Variante: Un si po fà "prrù" senza labbri.
    Non si può pronunciare "prrrr" senza labbra.
  • Un si po fà u passu più longu chè l'infurcatura.
    Variante: Un si po fà u passu più largu chè a ghjamba.
    Non si può fare un passo più lungo della gamba.
  • Un si po tena i dui pedi in u scarpu.
    Variante: Un si po stà di dui pedi in un' scarpu.
    Non si possono tenere due piedi in una scarpa.
  • Un ti fidà di u pidochju rifattu.
    Non ti fidare di un pidocchio rifatto.
    Variante: Un ti fidà di u viddanu rifattu.
    Non ti fidare di un villano rifatto.
  • Un ti rida di u mè dolu; quandu u meiu hè vechju, u toiu hè novu.
    Non ridere del mio dolore; quando il mio è vecchio, il tuo è nuovo.
  • Un trema una foglia, chi Diu nun voglia.
    Non trema foglia che Dio non voglia.
  • Una casa, si sa qual'hè chi a faci; un si sa quiddu chi l'ha da goda.
    Variante: Una casa, si sa qual'hè chi a faci; un si sa qual'hè chi a godi.
    Una casa, si sa chi l'ha fatta; non si sa chi se la gode.
  • Una donna faci e sfaci una casa.
    Una donna fà e disfà una casa.
  • Una mani lava l'altra e tremindù làvani u visu.
    Variante: Una mani lava l'altra e i dui làvani a faccia.
    Una mano lava l'altra e tutt'e due lavano la faccia.
  • Vali più un tontu à fattu soiu cà centu astuti à quiddi di l'altri.
    Vale più un tonto che fa quel che sa fare che cento astuti che fanno quel che non sanno fare.
  • Vesti un bastonu, pari un baronu. Vesti una tama, pari una dama.
    Usa un bastone, sembrerai un barone. Usa una scopa, sembrerai una dama.
  • Vistu l'omu, vistu a raghjoni.
    Visto l'uomo, vista la ragione.
  • Zigliara: focu e fiara.
    Zigliara: fuoco e fiamme.
  • Zoza di mala furtuna, chi d'inguernu un vidi soli, e d'istati un vidi luna.
    Zona di malasorte, che in iverno non vede sole, e d'estate non vede luna.
Riempi il form
e ti ricontatteremo il prima possibile

Benvenuto
Puoi accedere alla tua area riservata dal menu

Chiudi